martedì 29 dicembre 2009

lunedì 28 dicembre 2009

sabato 26 dicembre 2009

MACCHIE senza macchia

mentre eseguivo il salice nella palude, parte del colore è colata sul foglio sottostante creando delle macchie che hanno affascinato molto il mio animo semplice. Ammirando questo splendido prodotto del caso ho deciso di nasconderlo in un acquerello tanto per avere il pretesto di pubblicarlo... peccato che nella scansione le sfumature e la bellezza delle macchie si perda e rimanga solo l'infelice acquerello che le schiaccia... vabbè

riciclaggio "artistico"

posto un acquerello infelice sulla villa Ottolenghi del grande Scarpa. Anche in questo come nel caso del vecchi lavoro sulla mostra immaginaria di rothko il fogliame mi perseguita come il fantasma di banco. Per questa ennesima amarezza inizio a mordere ferinamente il povero disegno, salvato dalla ragionevolezza di mia madre che ha ritagliato i segni di morsi... vabbè la mia speranza è qualche providenziale consiglio per risolvere il problema del verde... tutti gli aiuti sono ben accetti

mercoledì 23 dicembre 2009


Avevo promesso un salice e sono rimasto bloccato in una palude...


Venerdì 18 Dicembre ho consegnato le tavole necessarie all'esame di materiali e progettazione di elementi costruttivi, per gli amici mapec. Per compiere questa folle e ed eroica impresa io e un mio amico abbiamo lavorato sostenuti da un incrollabile fede nell'architettura e nelle sostanze eccitanti e psicotrope legali (a.k.a. Red Bull abbinata a cinque caffè di fila, belli lunghi all'americana, stile film poliziesco di serie B), per consegnare le suddette tavole in tempo, stremati e felici. Per commemorare l'impresa in un impeto di caffeina e narcisismo su un foglio usato come tovaglietta per fare "colazione" ho realizzato un mio autoritratto usando il caffè avanzato e ormai rancido.